Indaver contribuisce a mantenere abitabile il pianeta

In tutte le sue operazioni, Indaver si adopera al massimo per mantenere il nostro pianeta abitabile, recuperando la maggiore quantità energia di energia materiali possibile, e ridurre al minimo l'impatto ambientale. Nel Rapporto sulla sostenibilità, Indaver spiega come ha raggiunto questo obiettivo nel 2015.

Materie prime

Per mantenere il nostro pianeta pulito e sicuro, il nostro modo di vivere, produrre e consumare deve essere sostenibile e rimanere tale. È necessario lasciare disponibili materie prime sufficienti, il che significa che occorre usarle con parsimonia. Indaver mira a massimizzare il recupero di materiali che possono essere utilizzati come materie prime in tutte le sue operazioni e impianti. Nel 2015, dai 5 milioni di tonnellate di rifiuti trattati, sono stati recuperati 1,2 milioni di tonnellate di materiali.

Impianti innovativi

Indaver migliora continuamente i propri impianti di trattamento, al fine di aumentare ulteriormente il recupero dei materiali. Nel 2015, Indaver Relight di Doel ha messo in funzione il nuovo impianto IndaTube, un ottimo esempio di circuito chiuso, che ora recupera con maggiore efficienza per il riutilizzo polvere fluorescente, vetro sodico-calcico e tappi metallici. Nei Paesi Bassi, è stato ufficialmente aperto l'impianto Bio Power Alphen ad Alphen aan den Rijn. Si tratta di un digestore innovativo che esegue fermentazione e compostaggio e ci permette di recuperare 4 materie prime: compost, biomassa, biogas e CO2 liquida.

Indaver Molecule Management riceve un premio

Sebbene vetro, carta e plastica siano ora ampiamente riciclati, più difficile è trattare i flussi di rifiuti pericolosi. Grazie a Indaver Molecule Management®, stiamo lavorando con piccolissimi componenti di rifiuti chimici e farmaceutici, appunto molecole, recuperandoli in modo sicuro. Nel 2015, Indaver Molecule Management® in Belgio ha ricevuto il premio FEBEM nella categoria "migliore innovazione o progetto ambientale".

Energia per 255.000 abitazioni

Indaver utilizza il calore rilasciato dal trattamento termico dei rifiuti residui stessi e lo immette nella reti per teleriscaldamento, reti elettriche o di altro genere. Si tratta dell'equivalente annuo del fabbisogno energetico di 255.000 abitazioni. Siamo anche alla ricerca di nuovi metodi di smaltimento dell'energia che recuperiamo. Una possibilità è rappresentata dai cluster energetici. Nel 2015, sei aziende del settore chimico e della logistica nel Waasland Port vicino ad Anversa, in Belgio, hanno firmato lettere di intenti per essere rifornite con biocalore dalla rete a vapore ECLUSE in cui Indaver immette calore. ECLUSE è, quindi, destinata a diventare una delle più grandi reti di calore industriale in Europa.

Limitazione dell'impatto ambientale

Noi investiamo in tecnologie avanzate per limitare l'impatto delle nostre operazioni nell'atmosfera, nell'acqua e nel suolo. Il nostro Rapporto sulla sostenibilità contiene una sintesi dei risultati delle misurazioni condotte nei nostri impianti. Usiamo acqua ed energia con parsimonia e ci adoperiamo al massimo per consumare la minore quantità possibile di materie prime e per sostituire materie prime preziose con altre o con i rifiuti. Limitiamo il nostro impatto ambientale durante il trasporto e il trattamento dei rifiuti. Ad Amburgo siamo coinvolti in un programma su vasta scala volto a limitare le emissioni di CO2. Nei Paesi Bassi ci stiamo impegnando per ridurre il nostro impatto in modo trasparente tramite la Scala del rendimento di CO2.

Protezione del ciclo dei materiali

Sono necessari "lavabi sicuri", cioè impianti di stoccaggio sicuro per le sostanze indesiderabili, quando non è possibile riciclare componenti nocivi o pericolosi.   Indaver conserva in modo sicuro i componenti potenzialmente pericolosi in impianti di trattamento finale high-tech e li rimuove quindi dalla catena dei materiali. Gli impianti chimico-fisici presso la sede di Indaver ad Anversa trattano rifiuti inorganici industriali, liquidi e solidi. Nel 2015 questi impianti sono stati ridenominati:  IndaChem Liquids e IndaChem Solids.

Rapporto sulla sostenibilità

Il Rapporto sulla sostenibilità 2015 può essere visualizzato in formato PDF sul sito web aziendale di Indaver. Si tratta di un documento PDF interattivo: i lettori possono fare clic per spostarsi al suo interno, seguire link esterni o visitare i siti web regionali di Indaver.

Condividi la pagina